Loading Spinner

On Air

DEEPEN with ALVIN CURRAN & WALTER PRATI

di Staff

SEGUICI

MMT Creative Lab presenta la serie Deepen with di Parade Électronique 2021, ospiti del terzo approfondimento sono Alvin Curran e Walter Prati, intervistati da Veniero Nizzardi, prima della loro performance Community Garden

Alvin Curran nasce nel 1938 a Providence, Rhode Island. Studia composizione con Ron Nelson (B.A. Brown University 1960) e con Elliott Carter e Mel Powell (M.Mus., Yale School of Music 1963). Durante le vacanze estive suona in traversate europee con i "Brunotes" sulla Holland American Line, in una Greek Dance Band nei Catskills, e nel Dunes Hotel di Las Vegas. Negli anni della MUSICA ELETTRONICA VIVA (1966 -1971 a Roma), si esibisce in oltre 200 concerti in Europa e negli Stati Uniti con Teitelbaum e Rzewski, Carol Plantamura, Ivan Vandor, Alan Bryant e Jon Phetteplace; e fa significativi incontri artistici con Cornelius Cardew, Steve Lacy, Meme Perlini, Morton Feldman. Scelsi diventa suo amico e mentore.

Walter Prati svolge attività di ricerca musicale, da sempre orientata verso l’interazione fra strumenti musicali tradizionali e nuovi strumenti elettronici, frutto dell’applicazione informatica al mondo musicale. Questo percorso lo ha portato – già nel 1987 presso il Centro di Sonologia Computazionale dell’Università di Padova – a utilizzare, con il supporto di Mauro Graziani, il “sistema 4i”: uno dei primi elaboratori per la sintesi e la trasformazione del suono in tempo reale progettato da Giuseppe Di Giugno. L’incontro con Di Giugno continuerà al centro di ricerca IRIS nello sviluppo della workstation MARS durante gli anni ’90. Successivmante, con la Fondazione MMT a Milano, produce progetti di ricerca sulla musica e lo spettacolo in genere. Dalla fine degli anni ’80 collabora con Evan Parker progetto che porterà in seguito alla formazione del Electroacoustic Ensemble. Significativi poi gli incontri artistici con il chitarrista americano Thurston Moore (componente del gruppo Sonic Youth) e con il cantante inglese Robert Wyatt con i quali ha realizzato progetti discografici e performance live. Ha inciso dischi per BMG Ariola, Ricordi, Pentaflower, ECM, Materiali Sonori, Leo Records, Auditorium, Limen, Dodicilune, DaVinci records.
In uscita “All’Improvviso”, il primo libro italiano di metodologia circa la pratica improvvisativi edito da Auditorium Edizioni. Insegna Composizione musicale elettroacustica al Conservatorio G. Verdi di Como e Tecniche di improvvisazione musicale al Conservatorio A. Pedrollo di Vicenza.

Entrambi considerati maestri dell'improvvisazione, Alvin Curran e Walter Prati approfondiscono il tema del paesaggio sonoro, prima di esibirsi nella loro performace Community Garden, in cui propongono una riflessione che parte dall'importanza di poter utilizzare spazi urbani condivisi e che ha portato i due compositori a condividere estetiche e tecniche creando un inaspettato "panorama sonoro”.

Community Garden raccoglie le esperienze di Curran e Prati durante gli ultimi 2 anni di attività; anni che hanno contenuto una buona parte dell'isolamento pandemico urbano e i suoi contraccolpi psicologici e sociali. Come un giardino urbano condiviso necessit di collaborazione da parte di chi lo frequenta, la proposta musicale che viene presentata raccoglie questa collaborazione tra personalità, storie e generazioni differenti. Elettroniche e strumenti differenti si confrontano creando un paesaggio in parte anomalo per entrambi.

Guarda l'intervista completa ↓

adv